Post

IWC sul Litorale Romano

Immagine
Anche quest'anno, i censimenti invernali degli uccelli acquatici (progetto IWC, International Waterbird Census) volgono al termine. Si tratta di un monitoraggio ornitologico, su scala internazionale, che ha lo scopo di raccoglie dati utili a stimare le popolazioni di uccelli acquatici, in modo da valutare le variazioni della loro consistenza numerica e distributiva ed identificare le zone umide più importanti per il loro svernamento. I conteggi si svolgono ogni anno, attorno alla metà di gennaio. 


Con Roberto Lippolis, collaboriamo al progetto da svariati anni. In tale veste, visitiamo (in verità, Roberto con maggior continuità) alcune aree del Litorale Romano, soprattutto a Sud di Roma, contando e registrando acquatici sia lungo la costa tirrenica, a ridosso dell'ambiente marino, sia nell'immediato entroterra, in habitat soprattutto di bonifica con canali e stagni residui o laghi di origine artificiale.



In area marina e sulle dune che monitoriamo, si osservano per lo più…

In cerca di Lupi nel PNALM

Immagine
Il Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise (PNALM) è una delle zone protette italiane storiche: la sua istituzione ufficiale risale al 1923. In tale anno veniva designata un'area abruzzese che andava ad ampliare un primo nucleo di territorio, nel comune di Opi (AQ), già individuato nel 1921 per iniziativa privata, che rappresentava appunto la prima area protetta d'Italia.


Negli anni e decenni successivi, il Parco è stato oggetto di vari ampliamenti sino ad arrivare all'attuale perimetro, definito nel 1999, che abbraccia un territorio appenninico a cavallo tra le tre regioni presenti nella sua denominazione e che si estende su una superficie di 50.500 ettari circa, con un'area contigua di circa 77.500 ettari.


Tali radici storiche, accompagnate dalla natura impervia del suo territorio centrale, hanno qui consentito la sopravvivenza di alcuni nuclei di mammiferi altrove scomparsi, come il Camoscio appenninico (Rupicapra pyrenaica ornata) e l'Orso bruno marsican…

Per esempio, dalla Fischìa

Immagine
Francavilla Angitola (VV), come altri borghi calabresi, è stata edificata, presumibilmente tra il IX e il X sec., in un’area ricca di sorgenti naturali, su uno sperone delimitato da due corsi d’acqua: il Fiumicello ad oriente ed il Drago ad occidente.



Queste risorse idriche consentivano di dissetarsi e di soddisfare le esigenze domestiche degli abitanti del borgo; permettevano inoltre l’irrigazione degli orti da cui la popolazione traeva una parte consistente del proprio sostentamento e, successivamente, hanno fornito l’energia per far funzionare le macine dei mulini.



Presso le sorgenti, oltre alle fontane vere e proprie munite di beccuccio, sono state spesso costruite delle vasche utili a facilitare il lavaggio dei panni, altrimenti da eseguire direttamente sulle scomode e basse pietre dei fiumi. Altre vasche di raccolta dell’acqua, soprattutto per uso irriguo (le ‘gibbie’), sono state costruite dove la portata delle sorgenti non era sufficiente ad alimentare dei veri fiumi. Lungo i…

Lucierti e luciertuni, sierpi e salamidi

Immagine
Non jestimara a Dio o a la Madonna, ma jestima u diavuli cu li corna!”.

Questa era la formula rituale che pronunciavamo quando, bambini, vedevamo dimenarsi, impazzita, la coda monca di una lucertola, immaginando che quei movimenti convulsi altro non fossero che bestemmie, ingiurie e maledizioni pronunciate da quel pezzo di corpo che continuava ad agitarsi, assatanato, prima di quietarsi del tutto, inanimato.  In realtà, si tratta di una precisa strategia di difesa sviluppata dal piccolo rettile per ingannare il suo assalitore che, distratto dai movimenti forsennati della coda, perde di vista la parte vitale dell’animale quel tanto che basta per consentigli di mettersi in salvo. Se l’azione diversiva riesce, la coda col tempo ricrescerà dando nuovamente un aspetto completo a quel corpo offeso.


Le lucertole sono sauri familiari, che siamo abituati a vedere intorno a quelli che consideriamo i nostri spazi. A Francavilla Angitola (VV), la specie che è più facile vedere è la Lucertola cam…